shadowban instagram

Shadowban Instagram: Le cose terribili che mi sono successe e come ho risolto

Non immagini quante volte mi è capitato di essere colpita da shadowban su Instagram. 😱
Oltre a tutti i blocchi temporanei.

Più o meno succede questo.

Il giorno prima i miei post hanno un sacco di like, commenti, tanto engagement e tante persone che scoprono il mio profilo @monicpirozzi e decidono di seguirmi.

E il giorno dopo?

Assolutamente nulla.

I miei follower cominciamo a calare, pochissimi like sotto le foto e commenti quasi assenti, se non i soliti fedeli che cercano apposta le mie foto.

Cosa è successo?

Inutile segnalare ad Instagram, la cosa migliore è cercare su Internet o nei forum di supporto. Facendo ricerche ho scoperto che si tratta di una subdola penalizzazione degli account che Instagram ha messo in atto.

E’ capitata anche a te una situazione del genere?

Qui voglio raccontarti tutto ciò che mi è successo e aiutarti a capire come risolvere il problema dello shadowban Instagram.

Se sei in questa situazione devi assolutamente continuare a leggere! 😃

 

Perché Instagram ci oscura con lo Shadowban?

E’ successo tutto all’improvviso.

Ad un certo punto i post hanno iniziato ad essere oscurati da Instagram e non riuscivo a capire il perché del calo enorme di interazioni ed engagement.

Lo shadowban Instagram è proprio questo: una penalizzazione che oscura i nostri post all’interno degli hashtag.

Ciò significa che pochissime persone nuove riusciranno a scoprire il tuo profilo e le tue foto sono quasi come inesistenti sul social. Possono essere viste soltanto dai tuoi follower.

Come me ne sono accorta la prima volta?

A dirti la verità, la cosa che mi ha davvero allarmata è il fatto che per qualche giorno i miei follower erano in calo e non vedevo nessun nuovo profilo seguirmi.

Nonostante continuavo a pubblicare foto come sempre, qualcosa stava andando giù.

 

Perché Instagram fa tutto questo?

In generale, Instagram non ha dichiarato di aver attivato questa penalizzazione, anzi, l’ha fatta passare come un errore e un bug che stavano cercando di risolvere.

Peccato che siano passati un paio di anni da quando mi è successo la prima volta e ho visto tante altre persone lamentarsi ancora e mi è capitato altre volte da allora.

Lo shadowban è uno strumento che usa Instagram per punire tutti gli account che non fanno i bravi sul social.

Qualsiasi tipo di violazione, uso di automazioni, comportamenti vagamente spammosi, possono essere puniti in questo modo.

C’è chi pensa che derivi solo dagli hashtag, ma, in realtà, ho notato come lo shadowban Instagram si sia notevolmente evoluto fino a diventare una punizione per azioni più diverse tra di loro.

Ciò significa che puoi usare nel modo più pulito possibile gli hashtag e ritrovarti comunque a ricevere questa penalizzazione.

Ma adesso voglio aiutarti a capire se sei vittima di shadowban.

 

Capire se sei vittima dello shadowban su Instagram non è cosa facile

E’ davvero difficile, soprattutto perché l’algoritmo di Instagram cambia continuamente.

Il principale sintomo è un calo di … qualsiasi cosa! Like, commenti, follower. Insomma il tuo account comincia ad andare giù e non riesci a capire il motivo.

Prima cosa, puoi dare una spulciatina su Google o nei gruppi Facebook per cercare di capire se è una situazione che accomuna più profili o se il tuo account è stato l’unico compito.

Nel secondo caso, puoi iniziare a pensare che sia dovuto a shadowban.

Cosa devi fare, a questo punto?

Crea un nuovo account Instagram da un cellulare diverso da quello che usi di solito, oppure trova qualche amico o amica che è così cattivo da non seguirti su Instagram.

Pubblica una bella foto con tanti hashtag davvero molto piccoli (ti ho già spiegato quali sono gli hashtag piccoli e come sceglierli al meglio).

Fai controllare a 3-4 account se il tuo post appena pubblicato compare nella sezione Recent di tutti gli hashtag che hai inserito sotto la foto.

E’ importante che tu inserisca solo hashtag piccoli per facilitarti la ricerca. A volte mi è capitato di non trovare il mio post negli hashtag semplicemente perché c’erano troppi contenuti pubblicati.

Se in nessuno degli hashtag che hai inserito riesci a trovare il tuo post, allora vuol dire che lo shadowban Instagram ti ha colpito!

Ma non preoccuparti, anche a me è successo un sacco di volte! 😱

shadowban instagram

 

Tutte le volte che sono stata colpita dallo shadowban Instagram

Ogni volta mi veniva un colpo, perché significava mandare a pu***ne il lavoro di settimane. E non è una cosa bella.

Poi ho capito che dovevo prendere la cosa con più filosofia, che Instagram è imprevedibile e non posso stare lì a preoccuparmi ogni volta che fa un capriccio.

Così ne ho approfittato di questi tempi morti, per studiare e cercare di capire quale potesse essere la causa.

Ecco quello che ho scoperto.

Non c’è una causa specifica. In generale, Instagram tende ad oscurare i tuoi post se non rispetti le regole della community o hai dei comportamenti spammosi.

E’ anche vero, che a lungo andare le regole di Instagram stanno diventando molto più restrittive.

Se all’inizio, per finire in shadowban, dovevo usare automazioni, magari finire in qualche hashtag proibito, usare POD a sazietà e spammare come se non ci fosse un domani, negli ultimi tempi mi è capitato di finire in shadowban su Instagram per aver inviato una 50ina di messaggi privati al giorno.

Quindi fai bene attenzione. Lo so che ti ho consigliato già altre volte di inviare messaggi privati a pensone che potrebbero essere interessate ai tuoi contenuti e a far parte della tua community, è anche vero che questo potentissimo strumenti va usato con cautela.

Ogni messaggio deve essere sempre diverso dal precedente, anche se solo per qualche parola, e devi cercare di non inviarne più di 5 tutti d’un fiato.

Ne ho parlato anche in questo video! 😃

Le cause più comuni sono quelle qui sotto.

Stai superano i limiti di Instagram

Non siamo liberi di fare tutto quello che ci pare su Instagram.

Per evitare che le persone esagerino con like, commenti e messaggi privati (DM) fino a trasformarsi in dei veri e propri molestatori (e magari crescere troppo velocemente senza l’ausilio di pubblicità) possiamo lasciare solo un certo numero di like, commenti e messaggi privati al giorno.

Se superi questi limiti, potresti essere vittima dello shadowban Instagram.

Presto ti parlerò di quali sono i limiti di Instagram e come fare per non essere bloccati.

Hai inserito hashtag proibiti

C’è una lista di hashtag che sono stati banditi da Instagram perché contengono materiale segnalato.

Si chiamano broken hashtag, ossia hashtag rotti, proprio per il fatto che non possono essere più utilizzati. Instagram oscura tutti gli account che hanno pubblicato foto con questi tag.

E’ giusto tutto questo?

Non lo so, dobbiamo solo cercare di evitare questi hashtag più che possiamo.

Tutti gli iscritti alla mia community hanno accesso ad .pdf con una lista dei più conosciuti broken hashtags.

Se vuoi riceverla subito ti basterà compilare i campi qui sotto!

 

Alla fine della seconda mail che riceverai, c’è il link per accedere a tutte le guide e risorse gratuite che riservo agli iscritti alla mia community. I broken hashtags saranno lì ad aspettarti! 😊

Profilo segnalato

Se il tuo profilo viene segnalato per spam o altri comportamenti proibiti, è probabile che Instagram, invece di chiudere l’account, decida di oscurare le tue foto in modo che tu non possa causare più problemi.

Usi BOT

Lo sappiamo, gli automatismi non piacciono ad Instagram. Tutto ciò che ci permette di far crescere il nostro profilo, raggiungere nuove persone e far aumentare i nostri follower senza usare le pubblicità sulla piattaforma non gli piace.

E, dal loro punto di vista, hanno ragione!

Per cui, se Instagram si rendere conto che stai usando degli automatismi, potrebbe penalizzarti in questo modo.

Come fa ad accorgersene?

L’attenzione maggiore devi averla quando sei all’estero. Se Instagram vede una foto pubblicata da un luogo e delle interazioni fatte da un altro paese, potrebbe insospettirsi.

In questo caso, vengono utilizzati degli strumenti avanzati chiamati proxy.

Comportamenti spammosi

Qualsiasi tipo di spam può essere punito con lo shadowban Instagram. Non inviare troppi messaggi privati, troppi commenti, like o qualsiasi altra cosa che possa in qualche modo infastidire la community.

 

Cosa ho fatto per uscire dallo Shadownban di Instagram

Ti scrivo tutto quello che ho disperatamente provato o che mi hanno consigliato per uscire da questa penalizzazione.

Ti avviso, non sono soluzioni magiche e definitive, alla fine potresti ancora trovarti ad avere il problema.

Puoi comunque provare una o più delle soluzioni qui sotto! 😊

1. Re-installa l’app

Una rinfrescata e una ripulita dell’app non fanno mai male.

In questo modo, potrai cancellare tutti i dati e le informazioni immagazzinate da Instagram sul tuo cellulare. Non credo sia la soluzione a tutto questo, ma tentar non nuoce e di sicuro è una cosa che può fare solo bene.

2. Inserisci gli hashtag in descrizione

Instagram potrebbe giudicare come spammoso inserire gli hashtag nei commenti del post. Anche perché alcuni lo usano come trucchetto per utilizzare più di 30 hashtag.

Ti consiglio di non andare mai oltre 30 hashtag e di inserirli nella caption del post che è il luogo dove sono stati inizialmente pensati.

Il problema potrebbe anche essere solo che, inserendo gli hashtag nei commenti, Instagram non riesce a leggerli e di conseguenza, è come se non li avessi inseriti.

Mi è capitato di non essere inclusa nelle foto di un hashtag perché presenti nei commenti.

Da provare anche questo!

3. Crea nuove liste di hashtag

Dovresti sempre usare hashtag coerenti con quello che è il contenuto della foto. Per questo, ti consiglio di cambiare le liste di hashtag che hai con delle nuove. Instagram potrebbe vederlo come spam e decidere di penalizzarti.

Ti ho spiegato come creare delle liste di hashtag che ti permetteranno di aumentare di 100 volte le visualizzazioni dei tuoi post in questo articolo.

HASHTAG INSTAGRAM: Come usarli al meglio e ottenere migliaia di visualizzazioni ai tuoi post!

4. Cancella gli hashtag sotto le ultime 10 foto

Non sai se hai utilizzato qualche hashtag proibito?

Il problema è che non possiamo mai essere certi che gli hashtag che abbiamo usato siano tutti puliti, per questo, ti consiglio di cancellare tutti quelli sotto le ultime 10 foto. Non sarebbero comunque più efficaci quindi tanto vale ripulire tutto.

5. Non interagire sul social

Puoi provare a fermare quasi tutte le interazioni possibili sul social. Non ti consiglio di non commentare e non lasciare alcun like, le cose drastiche non mi piacciono e non credo funzionino.

Quello che puoi fare, secondo me, è continuare a postare e lasciare qualche decina di like e commenti al giorno, per tenere ancora attivo il tuo account.

Le storie in quantità funzionano sempre e vanno sempre bene per essere presente per i tuoi follower, ciò che invece ti sconsiglio di evitare del tutto è aprire nuove conversazioni tramite messaggio privato con nuovi utenti.

6. Ferma tutti i BOT

Se effettui operazioni automatiche, devi assolutamente prenderti una pausa. Instagram può essersi accorto che le interazioni provenienti dal tuo account non sono autentiche e cerca di mandarti degli avvertimenti affinché tu la smetta.

7. Rinuncia al profilo business

I profili business sono quelli che più vengono attaccati da qualsiasi penalizzazione. Per un solo semplice motivo. Possono accedere alla funzione per sponsorizzare i post Instagram.

Anche se non lo trovo molto efficace, perché comunque Instagram sa che il tuo account era un profilo business in precedenza, tornare al profilo personale per un po’ potrebbe essere d’aiuto. Soprattutto se non hai ancora 10k follower e non hai accesso allo swipe up nelle storie.

8. Cambia la password dell’account

Puoi farlo dalle impostazioni dell’app. Ciò ti permetterà di revocare gli accessi immediatamente a tutte le app esterne, BOT inclusi. In questo modo avrai la sicurezza che non ci sono programmi di automazione che possono accedere al tuo account ed eseguire operazioni.

9. Disattiva l’account

C’è chi consiglia anche questo metodo estremo. Io sinceramente non l’ho mai provato.

Fallo proprio nel caso in cui non ti va di restare sulla piattaforma e postare anche se sei vittima di questa penalizzazione.

Vai nelle impostazioni e disattiva l’account per almeno 48 ore.

Quanto dura tutto questo?

24, 48 ore, 1 settimana … e anche mesi!

Non ci sono limiti. Il massimo che mi è capitato, personalmente, è stato due settimane quando ho esagerato con l’invio di messaggi privati a nuovi profili.

Però, cercando sui forum e informandomi, ho scoperto che ci sono persone che sono state colpite per più di un mese e non sapevano più che fare.

Io ti consiglio di non disperare. Continua con la tua attività!

 

Vuoi sapere la verità sullo shadowban Instagram?

Tutte queste tecniche non hanno funzionato più di tanto. Se c’è una sola cosa che ho capito dopo tante volte che sono stata colpita da shadowban Instagram è che dobbiamo lasciargli fare il suo corso.

Un po’ come il raffreddore.

Ormai l’algoritmo di Instagram ci ha bloccati, siamo segnati e ha già deciso per quanto tempo dovrà tenerci bloccati.

La soluzione migliore è sempre e solo aspettare, cercando di evitare comportamenti spammosi, fermando i BOT e cercando di postare ed interagire con gli altri profili come un account normale.

 

Se questo articolo ti è stato utile, puoi lasciarmi 5 stelline qui sotto! 😊

[Voti: 3    Media Voto: 5/5]

 

Hai mai subito lo Shadowban su Instagram?

Puoi condividere nei commenti qui sotto la tua esperienza, quali sono stati i sintomi e come hai risolto. 😃

Spero che le mie sventure ti siano state d’ispirazione, ma soprattutto, voglio che tu non perda eccessivamente la testa dietro a queste cose.

Ci sono passata un sacco di volte anche io e avrei voluto che qualcuno mi dicesse:

“Hey Monica! Non perdere il tempo dietro a queste stupidaggini ma concentra la tua attenzione nel creare contenuti che possano aiutare i tuoi follower su Instagram ma soprattutto i lettori del tuo blog!”

L’algoritmo di Instagram non possiamo controllarlo ma solo subirlo. Dobbiamo perciò agire su ciò che è in nostro potere e che ci permetterà di fare davvero la differenza! 😃

 

Alla prossima!

Namasté,

Firma Monica Pirozzi

 

P.S. Se vuoi adottare una strategia che ti permetta di far crescere i tuoi follower evitando lo shadowban, sto preparando una guida su Instagram che ti spiega, passo dopo passo, tutte le strategie da utilizzare per avviare e portare al successo un account Instagram.

Tutti i membri della mia community saranno aggiornati del suo sviluppo e sul giorno dell’uscita via mail.

Inoltre, riservo sempre a tutti loro un breve estratto gratuito delle mie guide in anteprima e degli sconti speciali ai primi membri che decidono di usufruire per primi delle mie creazioni.

Se vuoi far parte della mia community ed essere tra i primi a leggere la guida, puoi inserire la mail qui sotto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.