come correggere il clipping con Lightroom

CORREGGERE IL CLIPPING: Migliorare le tue foto con Lightroom

In questi giorni mi stanno succedendo cose strane. Trovo ragni ovunque in casa!

Beh, dirai, e che fa?

Devi sapere che ho una paura matta dei ragni, non riesco a vederli in giro per casa.

Poi, quando sono anche grossi e pelosi come quelli che mi ritrovo sul divano, mi trovi appesa al lampadario in pochi secondi!

E non sto scherzando. Ho battuto il record di 3 ragni in pochi giorni.

Non riesco a capire la causa.

Forse entrano dalla finestra o dalla porta aperta?

Sembra strano che riescano a farsi strada senza essere visti per arrivare al centro della stanza.

E il divano sembra essere il loro posto preferito.

Sono arrivata a pensare che ci sono delle energie in casa che li attirano all’interno!

Ti racconto questo perché stamattina sto scrivendo stando sempre un po’ in agguato, non si sa mai!

Vabbè, dimenticati di questo e veniamo a noi!

Ti ricordi che qualche tempo fa ti ho parlato del fenomeno del clipping?

Se te lo sei perso, trovi tutte le informazioni qui.

Ho parlato non solo di cos’è questo fenomeno ma anche come evitarlo già in fase di scatto, direttamente sulla tua fotocamera. Ti consiglio di darci un’occhiata.

Ma ora, voglio spiegarti come è possibile riconoscere le zone clippate in post-produzione e correggerle in modo efficace!

Ovviamente il software di post-produzione che andrò ad utilizzare è Lightroom.

Se non sai cos’è, non riesci ad usarlo ma vorresti imparare, ho scritto una guida gratuita che ti metterà subito in carreggiata in 5 minuti!

Puoi riceverla direttamente nella tua casella di posta inserendo la tua migliore mail qui sotto!

Ti suggerisco di leggere: Clipping in Fotografia – Cos’è e come evitarlo in fase di scatto

Cos’è il clipping

So che magari ti scocci di andare a rileggere tutto questo articolo, per questo ti spiego brevemente anche qui cos’è il clipping, giusto per assicurarmi che tu non ti perda niente.

Il clipping è una conseguenza della ridotta gamma dinamica del sensore rispetto all’occhio umano.

Il sensore riesce a misurare la luminosità da un livello che va da 0, nero puro, a 255, bianco puro.

Qualsiasi pixel che registra un valore di luminosità al di fuori dell’intervallo 0-255 si dice che è un pixel clippato.

Possiamo interpretarlo quasi come un sinonimo di bruciato, cioè il punto è troppo scuro o troppo chiaro e dal sensore viene registrato come o totalmente bianco o totalmente nero.

La cosa grave è che si perdono i dettagli della zona interessata e non è detto che si riesca agevolmente a recuperare la foto in post-produzione.

L’ideale sarebbe correggere il tutto durante lo scatto. Ma, se ciò non dovesse essere possibile o non hai fatto caso che l’immagine presentava problemi, cerchiamo di fare qualcosa in post.

Quando è considerato un difetto

Non sempre il clipping può essere considerato un problema. Anzi, ti consiglio di andare con i piedi di piombo.

Ci tengo sempre a ripetere fino alla nausea che la fotografia è un’arte e bisogna sempre valutare ogni affermazione in base al risultato che vogliamo ottenere.

Le immagini con forti ombre o luci dominanti (il buio della notte, la neve al sole) hanno, per loro composizione, delle parti affette da clipping.

Correggerlo significa andare a snaturare la fotografia in sé, perché porterebbe un risultato non desiderato.

Dobbiamo preoccuparcene quando, invece, i pixel affetti da clipping si trovano in zone in cui vorremmo che si vedano dei dettagli dell’immagine.

Ecco un piccolo esempio!

Correggere il clipping con lightroom Correggere il clipping con lightroom

Nell’immagine qui sopra, il software mi indica come clipping delle ombre i pixel che si trovano nelle parti più scure dei capelli.

Oltre ad essere pochi, soni punti in cui sono presenti dettagli irrilevanti per la buona riuscita della foto, quindi non mi sono per niente sognata di andarli a correggere!

Come correggere il clipping con Lightroom

Quando avrai scoperto come eliminare il clipping in Lightroom ti piacerà così tanto che non vorrai più sprecarti neanche a provare di correggerlo in fase di scatto!

So che può essere una bella tentazione, ma spesso, se è troppo accentuato, non si può recuperare tutta la qualità originaria dell’immagine.

Per cui, ti consiglio sempre di ridurlo al minimo.

Lightroom ha una funzione fantastica, basta premere due pulsantini che si trovano al di sopra dell’istogramma per evidenziare nella foto tutti i pexel clippati, sia nelle luci che nelle ombre.

I pulsantini in questione sono quei due triangolini evidenziati nell’immagine qui sotto.

Clipping in Lightroom

Se clicchi quello di destra, verranno evidenziati in rosso tutti i pixel che hanno subito il clipping delle luci, se clicchi quello di sinistra, verranno evidenziati in blu tutti i pixel interessati dal clipping delle ombre.

Davvero facilissimo! Ecco un esempio di ciò che compare!

Esempio di clipping in Lightroom

Se il fenomeno non è molto accentuato, andarlo a correggere risulterà molto semplice.

Dobbiamo agire in modo da diminuire la luminosità dei pixel, se questo riguarda le luce e aumentarla se riguarda le ombre.

Possiamo fare ciò agendo sul cursore Esposizione, ma, in questo modo, andrai i modificare l’esposizione globale dell’immagine e non è detto che ciò sia di tuo interesse.

Oppure puoi agire sui due cursori Luci e Ombre se vuoi andare ad agire solo sulle parti luminose o in ombra dell’immagine.

Ti basterà abbassare il cursore luci per veder sparire le parti clippate evidenziate in rosso e alzare il cursore delle ombre per veder scomparire le parti evidenziate in blu.

C’è un’ultima modalità che è possibile utilizzare. Questa è utile soprattutto nel caso in cui non vuoi modificare nessuna delle caratteristiche dell’immagine.

Puoi usare il pennello di regolazione (vedi immagine qui sotto) per selezionare la zone e apportare tutte le modifiche che ritieni necessario. In questo modo potrai cambiare esposizione, luci e ombre solo della zona interessata, senza andare a influire sul resto dell’immagine.

Pennello di regolazione in Lightroom

Come correggere il Clipping: Conclusioni

Il clipping non sempre è un problema.

Come ti ho mostrato anche nelle immagini sopra non deve essere corretto fino all’ultimo pixel.

Ti invito sempre a valutare le singole circostanze.

Le foto di sopra le ho utilizzate così come te le ho mostrate e non ho per niente pensato di correggere quei pochi pixel che uscivano al di fuori della gamma dinamica.

Come avrai ormai imparato, puoi trovare qui sotto i punti principali di cui ho discusso sopra.

  • Il clipping si verifica quando uno o più pixel escono fuori dal range 0-255 di luminosità registrabile dal sensore.
  • La soluzione ideale sarebbe evitarlo in fase di scatto.
  • In Lightroom, puoi attivare i triangolini al di sopra dell’istogramma per evidenziare i pixel affetti da clipping.
  • Per correggere puoi agire sui cursori Esposizione, Luci e Ombre oppure usare il pennello per apportare una correzione locale.

So che sei abbastanza gentile da aiutare le altre persone che cercano una soluzione a questo problema condividendo questo articolo con i pulsantini social qui sotto!

 

Se ti va di restare in contatto per conoscere, in anteprima, tutti gli esperimenti che faccio online per far crescere il mio profilo Instagram, il mio blog e la mia community, guadagnare sul web e creare foto pazzesche con Lightroom, puoi seguirmi sui canali social:

Ti aspetto!

Namasté,
Monica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.